I figli avranno pure il cognome della madre?

io 2

 

 

A proposito di … i figli avranno pure il cognome della madre?

di Maria Concetta Preta

 

“Il cognome di famiglia non continua se è una figlia,

bando alla malinconia, ti terrà compagnia”.

Così recita una filastrocca femminista del secolo scorso.

Tante cose sono mutate da allora. Le donne hanno cambiato il loro destino di mogli e madri, le famiglie sono diventate plurali, si parla di “famigliastra” o famiglia “allargata”.

Dal 1975 la famiglia italiana è un luogo paritario, ma il cognome della madre ai figli rimane un tabù.

Ogni volta che in Italia qualcuno ha cercato di cambiare la norma che impone il cognome dei padri, apriti cielo.

 

Finalmente arrivò la Corte costituzionale con una sua sentenza che recita così, riguardo alla linea patrilineare del cognome:

“Retaggio di una concezione patriarcale della famiglia e di una tramontata potestà maritale, non più coerente con il valore costituzionale dell’uguaglianza uomo donna.”

Era il 2006: si invitava il legislatore ad intervenire.

Nel gennaio del 2014 all’Italia arriva una condanna della Corte europea dei diritti umani. E di nuovo si invita il legislatore italiano ad intervenire.

Finalmente, nel Parlamento con il più alto numero di donne che il nostro paese abbia mai avuto, a settembre dello stesso anno la Camera approva un testo di legge sul doppio cognome.

Cosa prevede questa legge?

1.Cade l’obbligo del cognome paterno, ed è stabilita la piena libertà nell’attribuire il cognome.

2.Alla nascita il figlio potrà avere il cognome del padre o della madre o i due cognomi, secondo quanto decidono insieme i genitori.

3.Se però non vi è accordo, il figlio avrà il cognome di entrambi in ordine alfabetico.

4.Stessa regola per i figli nati fuori del matrimonio e riconosciuti dai due genitori.

  1. Ma in caso di riconoscimento tardivo da parte di un genitore, il cognome si aggiunge solo se vi è il consenso dell’altro genitore e dello stesso minore se quattordicenne.
  2. Questo principio vale anche per i figli adottivi.
  3. Il maggiorenne che ha il solo cognome paterno o materno, con una semplice dichiarazione all’ufficiale di stato civile, può aggiungere il cognome dell’altro genitore.
  4. Se però nato fuori del matrimonio, non può prendere il cognome del genitore che non l’ha riconosciuto.

Tutto bellissimo, dunque. Ma l’illusione dura poco. Il testo si arena al Senato, dove resta fermo per due anni.

Adesso, di nuovo, parla la Corte costituzionale, per la quale è illegittimo dare automaticamente solo il cognome paterno, quando la volontà dei genitori è diversa.

Sembra dunque che basti la volontà, che non va né giudicata, né motivata.

La decisione riguarda il ricorso di una coppia italo-brasiliana residente a Genova, che aveva chiesto di poter registrare il proprio bambino con il doppio cognome. Richiesta motivata in virtù della parità, ma anche per armonizzare la condizione anagrafica del piccolo, che ha la doppia cittadinanza tra il Brasile, dove è identificato con il nome materno e paterno, e l’Italia, dove ha soltanto il cognome del padre.

Ancora una volta, la Corte arriva prima della politica e si fa portavoce dei bisogni della società reale.

Staremo a vedere.

 

Prof.ssa M.Concetta Preta

Informazioni su questi ad